Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

dire di noTra i vari comportamenti legati ai vari profili caratteriali ve ne sono alcuni particolarmente faticosi: il lottatore perenne, il giudice spietato e il super accomodante.

E oggi parleremo proprio del super accomodante. Chi attua questo tipo di comportamento, spesso appartiene o è attiguo all’energia terra (niente di zodiacale, facciamo riferimento alle tipologie della -profilatura caratteriale veloce- una tecnica che insegniamo ai corsi). Ma nel suo caso un “care giving” molto spiccato può unirsi alla scarsa stima di sè, al bisogno di essere approvato, all’ansia da prestazione o al profilo da “bravo bambino”.
Questo tipo di profilo fa felici tutti ma è infelice, sostiene tutti ma non è sostenuto, ascolta tutti ma è solo coi suoi problemi  e sopratutto esaurisce tutte le sue energie per gli altri e non tiene nulla per sè. Vediamo insieme se avete anche solo in parte il profilo super accomodante? vediamo come gestire meglio questa tendenza?

1)Dice sempre si! o al massimo “vedremo”: il no proprio non gli esce di bocca, non ce la fa. Forse da piccolo è stato educato all’idea che l’apprezzamento e l’amore degli altri vada comprato con la propria disponibilità “Se non dico di si mi odieranno”, “Se non dico di si  e non faccio questa cosa per loro penseranno che non valgo” queste in sintesi e per estremo alcune delle idee che passano nella testa del super accomodante quando deve dire NO.
Un paio di trucchi? a)Esercitati a dire no allo specchio,b) prova a dire no a piccole cose, magari con un grosso GRAZIE dopo e poi passa a no più impegnativi,c) lavora con l’affermazione “posso dire NO ed essere amato lo stesso“.

2)Andare daccordo non vuol dire pensarla allo stesso modo sempre. Il super accomodante vorrebbe dire la sua dire sempre sima… “ok non sono d’accordo nemmeno un pò ma non posso dirglielo cosi’, devo trovare le parole, il momento,l’attimo, l’ispirazione”. Intanto la conversazione finisce, si cambia argomento l’occasione sfuma, il tempo passa. Siete liberi di dire la vostra opinione, tutti siamo liberi di averne una e siamo liberi di esprimerla (con il giusto tatto).
Andare d’accordo non vuol dire avere le medesime opinioni o darsi sempre ragione, possiamo penarla diversamente ed avere entrambi ragione (dal nostro punto di vista) e in ogni caso possiamo tenerci ciascuno la nostra opinione e stare bene insieme.

3)E se poi si incazza? E se si incazza fatti suoi. Non siamo noi i responsabili della vita altrui, degli altrui successi o fallimenti e ancora meno delle loro emozioni. Non possiamo agire in funzione delle emozioni altrui. Questo significherebbe dover fare quello che gli altri si aspettano da noi tradendo noi stessi e il nostro destino. Le aspettative però sono una scelta individuale e rispondono a un bisogno individuale, possiamo scegliere se, quando e quanto sodddisfarle riconoscendo che è responsabilità altrui accettare o meno serenamente la nostra decisione di non soddisfarle. Nessuno ha il potere di far provare ad altri delle emozioni, ognuno sceglie cosa provare.

discutere4)E se poi si incazza (2)? Non puoi fare felici tutti, qualcuno prima o poi dovrai scontentarlo. L’unica vita che hai veramente il potere di plasmare a 100% è la tua , vuoi essere felice o no? Pensi veramente di creare la gioia intorno a te scontentando te stesso per primo?Le aspettative degli altri non hanno mai fine, il loro soddisfacimento è pressochè impossibile. Se dici si, ci sarà qualcos’altro che vorranno e poi altro ancora e ancora, certi “buchi neri” d’amore non si riempiono mai.

5)E se poi non mi ama più? Stai dicendo che l’more ha un “prezzo”? Che si compra soddisfacendo i desideri degli altri? Risolvendo loro i problemi, annullandosi per loro? La relazione umana  è soggetta, ahimè a condizioni,l’amore però no. Se amate una persona la amate sempre anche quando non fa quello che volete voi,e quando l’amore finisce o cambia, lo fa anche se la persona accanto a voi fa di tutto per impedirlo soddisfancendo ogni vostro capriccio. Non sviluppare troppo attaccamento , impara ad amare te stesso in primis e tutte le tue relazioni guariranno un pò alla volta liberandosi della famosa frase “ti amerò ,SE…..”.

6)Il rischio “trasparenza”, Lo sapete? La maggior parte delle persone che dicono sempre si e sono sempre disponibili finiscono per diventare trasparenti, cioè scontate. Perchè chiedere l’opinione di una persona se ti dice sempre si’? Tanto è ovvio che lo farà. Inoltre le persone che danno sempre ragione finiscono per diventare terribilmente noiose. Il vostro carattere vi fa dire si o no, le vostre opinioni e tutto questo è il vostro valore ,è ciò che vi rende unici. Se siete sempre disponibili state anche dicendo che il vostro tempo “non vale nulla” e non avete null’altro da fare,non avete interessi da coltivare o impegni. Non è una bella premessa per essere interessanti.

7)Il corpo dice che.... il corpo manifesta in parecchi modi la sua disapprovazione  e se consideriamo che il corpo è più saggio di noi quando si parla di autoconservazione e tutela di se vale la pena di ascoltarlo; ecco qualche sintomo:

  • Reflusso gastroesofageo: Stanco di mandare giù?corpo urla
  • Bruciore di stomaco estremo: Stanco di mandare giù arrabbiature?
  • Mal di gola: Parlare in proprio favore, questo sconosciuto!
  • Problemi di pelle: Difficoltà a far rispettare i confini, continui contatti irritanti
  • Problemi di pelle e alle mani: Stanco di tenere in mano le patate bollenti o hai bisogno di raggiungere un grado di ustione maggiore?
  • Problemi alle mani: Stanco di gestire le cose? magari altrui?
  • Mal di spalle: Troppi pesi? Magari scrollarsi due responsabilità e lasciarle agli altri? noeh!
  • Infezioni, funghi, micosi, alcuni tipi di herpes: Impossibile resistere alla contaminazione di idee, opinioni e agiti altrui. I confini vacillano e sei invaso.

Nessuno di questi sintomi è legato univocamente al tema del essere super accomodante ma Se uno o più di questi sintomi vi coinvolgono provate a farvi le domande scritte sopra 🙂

C’è una cura per tutto questo? qualche trucchetto ve l’ho suggerito prima ma il lavoro deve essere fatto alla radice: implementando la conoscenza di sè, lavorando sull’autostima, sulle trappole emotive in ogni tipo di relazione e imparando a riconoscere e interpretare il linguaggio del corpo. (trovate un sacco di informazioni negli altri articoli di questo Blog)

Se sei interessato a intraprendere questo percorso tieni d’occhio le prossime date dei nostri corsi, ognuna è una buona occasione per incominciare a cambiare.

Giancarlo Rabericati; Insegnante louise hay dal 1998, counselor, trainer corpo mente.

LE NOSTRE PROSSIME DATE:

Milano 23 Maggio- Profilatura caratteriale veloce           contatti: gian@louisehayitalia.org

Milano 24 Maggio- Apri il tuo cuore, guarire le relazioni       contatti:gian@louisehayitalia.org

Ventimiglia 7 Giugno- Corpo Mente Benessere: interpretazione del corpo ed auto-guarigione.

contatti: info@louisehayitalia.info