Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

Il pettegolezzo è l’abitudine a parlare di terze persone non presenti, riportando indiscrezioni o comportamenti con un intento più o meno palesemente negativo.

Il pettegolezzo è un’ espressione di agressività passiva, louise hay pettegolezzoestremamente frequente, che produce molta negatività e inquina ambienti, persone, situazioni e relazioni. Eppure nella nostra società questo comportamento è estremamente incoraggiato al punto che sono nate riviste e programmi televisivi che si nutrono e si reggono proprio sul pettegolezzo.

Ormai è uso comune spettegolare, al punto che molte persone ne fanno un vanto. Si spettegola per noia, per abitudine, per mettere in cattiva luce gli altri, per guadagnare punti con l’interlocutore, per far fuori il concorrente in ambito professionale affettivo o sociale. Eppure questo tipo di comportamento produce una massa di negatività che prima o poi travolge sia la persona oggetto di chiacchiere, sia chi le riporta. Ciò che dai ti ritorna sempre,prima di riportare un pettegolezzo pensaci “vorresti che qualcuno lo facesse con te?”

Considera anche che cedere al pettegolezzo è un modo sottile per cedere il proprio potere. Molte persone usano il pettegolezzo o la falsa confidenza per manipolare gli altri ed usarli nei propri personali conflitti (e se ci crediamo scegliamo di farci manipolare)….. “sai quello mi ha fatto tanto male” e tu magari vai  a vendicare chi ti ha fatto questa “confidenza”.  Non farlo, stai fuori dal pettegolezzo e dal conflitto, non far girare la ruota del karma

Ecco alcuni modi per imparare a spegnere il pettegolezzo.

Louise Hay pettegolezzo1)Non farti coinvolgere: cerca di non prestare attenzione e non farti vincere dalla curiosità; Risposte neutre come “aha”, “capisco”, “succede”, “eh è la vita”, spegneranno un pò alla volta l’interesse del tuo interlocutore nel riportare le chiacchiere. Cerca di non offrire il tuo contributo, tieniti fuori dal karma del pettegolezzo.

2)STOP:Cambia argomento: Se ti rendi conto che stai entrando nel pettegolezzo cambia argomento, cerca di parlare di altro, di altre situazioni, di questioni di lavoro, del tempo. Appena ritornate sull’argomento cerca nuovamente di spostare l’attenzione su altro. Se il tuo interlocutore ti chiede se stai evitando l’argomento rispondigli serenamente di si (e magari fagli leggere questo articolo):-)

3)Consapevolizate(vi): Se stai facendo del pettegolezzo ricorda a te e all’interlocutore ciò che stai realmente facendo: “caspita, stiamo parlando proprio male di questa persona, chissa come si sentierebbe se potesse ascoltarci” oppure “beh, stiamo davvero parlando molto male di questa persona e non credo noi saremmo felici se toccasse a noi” oppure ancora” Pensa se tutti parlassero cosi’ male di questa persona, quanto gli renderemmo difficile la vita, se lo merita davvero?”

4)Non amplificare. Non aggiungere supposizioni, invenzioni, fantasie, se proprio non puoi farne a meno almeno attieniti ai fatti. Spesso  a furia di riportate un evento o un fatto oggettivo lo modifichiamo e lo facciamo diventare qualcosa di diverso: più grande, più tremendo. E’ normale nella natura umana fare fatica a distinguere tra l’immaginato e il reale. Le parole inoltre hanno un tratto di ambiguità che favorisce l’incomprensione.

5)Taci: non riportare il pettegolezzo, tienitelo per te. I pettegolezzi diventano più potenti e distruttivi quanto più vengono riportati, se nessuno li riporta dopo un pò si spengono. E’ un pò come far scendere una palla di neve lungo una montagna innevata, se un masso la ferma non succede nulla ma se continua a scendere man mano che la pallina rotola si ricopre di altra neve e diventa una gigantesca valanga che distrugge ogni cosa a valle..attenzione perchè a valle potresti esserci tu quando passerà o potrebbe travolgere persone e cose che ami.

6)Domandati: louise hay domande

E’ Vero?

E’ utile?

E’ motivante?

E’ necessario?

E’ gentile?

Prima di riportare qualsiasi tipo di pettegolezzo o informazione su terze persone fatti queste domande. Se la risposta è NO allora non riportarlo.

7)Non tradire: se qualcuno ti rivela un segreto non tradire la sua fiducia parlandone ad altri. Il tradimento è una ferita profonda che ci mette molto a guarire. Ed è una ferita che nessuno vuole sperimentre a sua volta. Se oggi tradisci la fiducia di qualcuno,qualcun altro farà lo stesso con te domani.

8)Non giudicare. Non sai niente della persona di cui stai parlando anche se la conosci da anni,; non sai cosa passa nella sua mente e nel suo cuore; ci sono particolari del suo passato che sicuramente non conosci. Quando riportiamo i fatti non conosciamo comunque le ragioni che hanno spinto gli altri a mettere in atto determinati comportamenti, le loro azioni non descrivono ciò che loro sono completamente. Certo magari si sono comportati male ma non sappiamo se hanno reagito o meno. Facciamo un esempio? un amico ci mostra il messaggino di una terza persona che lo aggredisce verbamente..noi sappiamo cosa si sono detti prima? abbiamo letto i mesaggi precedenti? sappiamo se magari quellapersona quel giornoa veva già subito troppo per potersi contenere? se magari è malata? se magari è stata licenziata? se magari è arrabbiata perchè qualcuno le ha fatto del male? no non lo sappiamo ma se decidiamo che quella persona è “semplicemente e completamente cattiva” sicuramente commettiamo un errore. Nessuno è le proprie azioni.

9)Decidi di smettere. La volontà è suprema! Se non sai come fare ma vuoi smettere, il sistema louise hay vita noiosatroverà il modo di farti acquisire questa abilità! Anche Louise Hay ammette che da giovane era una gran pettegola e che ha dovuto imparare a smettere. Se non hai nulla da dire quando non spettegoli, allora hai un problema molto più grande del pettegolezzo: la tua vita è noiosa! Smetti di perdere tempo a spettegolaree fai qualcosa per darle un significato prima che passi troppo tempo

10)Se il pettegolezzo riguarda te.... in questo sono un esperto. Quando decidi di seguire il tuo cuore, aderire a un sistema etico, non accettare compromessi, dire le cose che pensi realmente, distaccarti o pendere le distanze da comportamenti che non ritieni corretti sei spesso oggetto di molto parlare.( e ne parleremo nell’articolo su comeessere se stessi indipendentemente dalle aspettative altrui). Ricorda:
louise hay feliceA)Ignora. non stare a giustificarti, vendicarti, discutere infinitamente, farti condizionare dal pettegolezzo. Ciò a cui dai energia cresce, usa la tua energia per fare altro, meglio nutrirsi con affermazioni positive.
B)Sei amato, stai sereno. Se le persone ti amano continueranno a farlo nonostante qualsiasi pettegolezzo, se invece cambieranno idea su di te vuol dire che non aspettavano altro che l’occasione per farlo. Nel mio ambito professionale c’è molto pettegolezzo  e negli ultimi anni ancora di più: molti insegnanti e trainer parlano male di altri convinti di far carriera.Eppure io continuo ad avere un sacco di studenti e quelli che mi lasciano credendo ai pettegolezzi poi tornano sempre. Evidentemente il pettegolezzo non fa frutto.
C)Ridi!! Nulla spegne i pettegolezzi come essere felici. Anche il più incallito pettegolo perde la voglia di parlar male di te quando vede che resti sereno e felice nonostante abbia sollevato tanta polvere. Trasmuta questa energia negativa in qualcosa di buono!

Io oggi decido di usare le mie parole per costruire un mondo sicuro in cui tutti sono felici

Giancarlo Rabericati, insegnante ufficiale Louise Hay dal 1998 , counselor e trainer.

Se questo articolo ti è piaciuto e desideri approfondire puoi chiedere informazioni sui prossimi corsi a corsilouisehay@gmail.com oppure sul nostro sito http://www.louisehayitalia.org.